Gli Afidi, la minaccia nel nostro giardino

Afidi rose
Afidi rose

Gli afidi delle foglie danneggiano principalmente le piante giovani risucchiando la linfa; allo stesso tempo, emettono un veleno che fa arricciare le foglie. Questo forma dei “rifugi” di foglie, che rendono difficile agli uccelli e altri predatori raggiungere gli afidi; in questo modo resta quasi sempre almeno una coppia per propagare la specie.

Un altro danno degli afidi delle foglie è la trasmissione di virus dannosi alle piante tramite la loro saliva. Questo può portare a danni notevoli, soprattutto nei frutteti o nei roseti.

Curiosità:

Infine, la secrezione zuccherina degli afidi delle foglie ha un ruolo significativo: dato che gli afidi si
riproducono molto velocemente, soprattutto in condizioni favorevoli, hanno bisogno soprattutto di proteine.
Le assorbono dalla linfa della pianta ed eliminano i carboidrati (zuccheri) contenuti e la trasformano  in secrezione zuccherina. Questo è particolarmente bizzarro, in quanto le piante sono le migliori produttrici di zuccheri al mondo e molti animali, compresi noi umani, usano lo zucchero come energia per consentire la sintesi di proteine nei nostri corpi.
La secrezione zuccherina detta “melata” viene usata come cibo dalle formiche (e dalle mosche). Perciò le formiche trattano gli afidi delle foglie come noi trattiamo le mucche: “mungono” la secrezione zuccherina dagli afidi. Per fare questo, le formiche posizionano deliberatamente gli afidi sulle piante, distribuendoli nel giardino, prendendosene cura e persino difendendoli.

Gli afidi trascorrono l’inverno sotto forma di uova, dall’uovo nascono “fondatrici” che si trasformano in “virginopare”solitamente non hanno ali, ma alcune sono alate e cambiano pianta ospite con facilità, disseminando più rapidamente creature allo stato selvatico, esse si riproducono asessualmente. Solo verso l’autunno questi esemplari esclusivamente femminili danno alla luce afidi maschi, per partenogenesi. Gli afidi si accoppiano e le uova deposte dall’ultima generazione di femmine dell’anno, nel momento di passaggio alla riproduzione sessuale, permette agli afidi di diffondersi anche l’anno successivo.

Con 50 generazioni di afidi per ogni estate e fino a sei figli per virginopara al giorno, è facile calcolare come una fondatrice può generare circa 1027 afidi all’anno. Questo significa che il numero totale di afidi generati è immenso. Un afide, tuttavia, vive per soli cinque o sei giorni. Se considerate quanti giovani uccelli, formiche, crisopidi, cecidomie, sirfidi e larve di vespe icneumonidi arrivano alla maturità nutrendosi di afidi delle foglie, è chiaro che queste creature hanno bisogno di un ritmo di riproduzione elevatissimo per sopravvivere come specie. È altrettanto ovvio perché, nell’emisfero nord, le circa 450 specie di afidi sono tra i più diffusi infestanti di campi, foreste e giardini.

Piante resistenti agli afidi:

Cappuccina: “Casanova”, “Fiorella”, “Irina”, “Jiska”, “Osaka”, “Estelle”

Insalata iceberg: “Barcelona”, “Bennie”, “Fortunas”

Insalata mini iceberg: “Minas”

Lattuga da taglio: “Sirmai”, “Smile”

Incappucciata: “Leny”

Lollo bionda: “Barman”, “Lorenzo”

Lollo rossa: “Solsun”

Indivia: “Bentley”

Oppure nel caso dei lamponi, potete scegliere varietà che, pur non essendo resistenti, non sono altrettanto ricercate dagli afidi. Per esempio, la vecchia varietà “Schönemann” è attaccata dagli afidi più frequentemente rispetto alle varietà “Rumiloba” e “Autumn Bliss”.

Combattere gli afidi!

Oltre alle misure di prevenzione, potete combattere gli afidi direttamente con diversi composti. La cosa importante è scegliere i composti che proteggano gli insetti utili e che abbiano un periodo di attesa adeguato (prima di poter usare la pianta trattata in cucina senza correre rischi per la salute). Le informazioni in questo senso si trovano sulle istruzioni del composto. Potete aspettarvi tempi di attesa molto ridotti o nulli per i composti naturali (saponi con sali di potassio oppure oli naturali).

BAYER PIRETRO ACTIGREEN € 16.20
Bayer piretro actigreen            € 16.20
COMPO FAZILIO PRONTO USO
Compo Fazilio pronto  uso € 8.70

 

 

 

 

 

 

Potete anche incoraggiare gli animali utili, attiradno gli uccelli, montando nidi artificiali e casette. Non ci sono solo gli uccelli ma anche i sirfidi, attirandoli piantando margherite. Questi insetti si nutrono di polline di margherite e depongono le uova accanto agli afidi; quando si schiudono, le larve di sirfidi sono ghiotte di afidi. Come i sirfidi, anche coccinelle, crisopidi, cecidomie e vespe icneumoidi sono utili.

Coccinella

3 risposte a "Gli Afidi, la minaccia nel nostro giardino"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...